nipresa

Buonipresagi, ma più essenziale

40 notes

nikink:

la prima neve di quest’inverno impegnativo, a Torino, è caduta il 28 gennaio; in pochi giorni ne son scesi trenta centimetri, da allora solo rade spruzzate: noi nordici adusi abbiamo lasciato a centritalioti e sudici il brivido di mandare a rischio le solette dei monumenti e in greve ritardo i treni su da noi
per quanto il freddo porco contribuisca a mantenere le strade placcate, si circola bene da tipo due giorni dopo, però vi sono per tutta la città auto ancora ricoperte, che dunque non vengono utilizzate da ormai quasi venti giorni
e non sono poche: se ne trova una circa ogni sette, otto; e non sono carcasse abbandonate: sono recenti, modelli di lusso, utilitarie, suv, sportive
se nei primi giorni potevo immaginare pacati padri di famiglia prudenti e titubanti, dopo tutto questo tempo sono semplicemente sgomento: questa gente riesce improvvisamente a vivere senz’auto? possiedono tutti un Hummer da indossare insieme agli yellow boots?
e, infine, che tipo di povertà postmoderna esprime un Paese in recessione dove uno stronzo ogni sette può permettersi una Rc Auto per occupare cinque metri cubi di mondo con lamiera superflua?
(foto presa ieri in via Salerno)

Idem a Bologna: macchine da 15 giorni intrappolate ancora nella neve del 1 febbraio

nikink:

la prima neve di quest’inverno impegnativo, a Torino, è caduta il 28 gennaio; in pochi giorni ne son scesi trenta centimetri, da allora solo rade spruzzate: noi nordici adusi abbiamo lasciato a centritalioti e sudici il brivido di mandare a rischio le solette dei monumenti e in greve ritardo i treni su da noi

per quanto il freddo porco contribuisca a mantenere le strade placcate, si circola bene da tipo due giorni dopo, però vi sono per tutta la città auto ancora ricoperte, che dunque non vengono utilizzate da ormai quasi venti giorni

e non sono poche: se ne trova una circa ogni sette, otto; e non sono carcasse abbandonate: sono recenti, modelli di lusso, utilitarie, suv, sportive

se nei primi giorni potevo immaginare pacati padri di famiglia prudenti e titubanti, dopo tutto questo tempo sono semplicemente sgomento: questa gente riesce improvvisamente a vivere senz’auto? possiedono tutti un Hummer da indossare insieme agli yellow boots?

e, infine, che tipo di povertà postmoderna esprime un Paese in recessione dove uno stronzo ogni sette può permettersi una Rc Auto per occupare cinque metri cubi di mondo con lamiera superflua?

(foto presa ieri in via Salerno)

Idem a Bologna: macchine da 15 giorni intrappolate ancora nella neve del 1 febbraio

(via 3nding)

  1. pollicinor reblogged this from nikink and added:
    Scoperta di Nikink: le auto immobili durano settimane
  2. ze-violet reblogged this from giullare
  3. giullare reblogged this from nikink and added:
    Dice, e dice bene,
  4. paroledodio reblogged this from batchiara
  5. batchiara reblogged this from nipresa
  6. onepercentaboutanything reblogged this from nipresa
  7. heresiae reblogged this from nipresa and added:
    corso marconi ne è pieno. ci sono auto che non escono dai parcheggi del viale da giorni e c’hanno pure le ruote...
  8. unaltroinutiletumblr reblogged this from nipresa
  9. padlock reblogged this from nipresa and added:
    Ma non si sconfina nell’occupazione di suolo pubblico?
  10. nipresa reblogged this from 3nding and added:
    Idem a Bologna: macchine da 15 giorni intrappolate ancora nella neve del 1 febbraio
  11. 3nding reblogged this from curiositasmundi
  12. curiositasmundi reblogged this from nikink
  13. addictions reblogged this from nikink